Reports of the conference “The new challenges of phytosanitary defense…” organized by AGREA are downloadable

In occasione dei 25 anni di attività, il Centro Studi Agrea ha organizzato un convegno “Le nuove sfide della difesa fitosanitaria: cambiamenti climatici, organismi alieni e limitazioni legislative” presso la sala riunioni della Cantina di Soave. L’evento, a cui hanno partecipato circa 400 professionisti di cui 150 in presenza e 250 da remoto tra agronomi, tecnici fitoiatri e periti agrari, è stato l’occasione per discutere sulle prossime sfide che la difesa delle colture sarà chiamata a rispondere.

La stretta collaborazione di Agrea con diversi enti di ricerca ha permesso di riunire qualificati docenti di varie Università italiane che sono stati moderati dal giornalista de L’Informatore Agrario Giannantonio Armentano. Sono intervenuti i proff. Gianfranco Romanazzi dell’Università Politecnica delle Marche, Andrea Lucchi, dell’Università di Pisa, Alberto Alma dell’Università di Torino; Claudio Ioriatti della Fondazione Edmund Mach di Trento e Giuseppe Zanin dell’Università di Padova.

Il cambiamento climatico sta fortemente impattando le strategie di difesa in quanto i patogeni, i parassiti e malerbe si stanno adattando all’aumento delle temperature molto più velocemente delle piante coltivate. Gli inverni miti consentono ad un numero maggiore di insetti e di malerbe di svernare presentandosi nella primavera successiva con un potenziale di inoculo molto alto; per di più, le temperature medie più elevate permettono l’espandersi dell’areale di distribuzione di molti patogeni. Nel convegno sono stati discussi esempi di adattamento alle condizioni Italiane di alcune graminacee e di insetti della vite come la tignola rigata Criptoblables gnidiella ed il vettore della Flavescenza dorata lo Scaphoideus titanus. Inoltre, le elevate temperature estive possono diminuire l’attività di molti prodotti fitosanitari.

L’intensificarsi degli scambi commerciali con i paesi orientali ha favorito l’introduzione di insetti “alieni” che trovando condizioni favorevoli allo sviluppo e nessun limitatore naturale sono causa di ingenti danni economici. Durante l’evento, oltre che su Drosophila suzukii e Popillia japonica, sono stati discussi i casi studio di Halyomorpha halys, Orientus ishidae e presentata la dannosità di Lycorma delicatula, una cicalina originaria della Cina e del Vietnam non ancora presente in Italia che, in situazioni più gravi, può portare alla morte del vigneto in 3-4 anni.

La proposta legislativa europea che prevede la riduzione del 50% del consumo di prodotti fitosanitari entro il 2030 (il 62% per l’Italia) sta già influenzando la pianificazione dei protocolli di difesa. In particolare, sono in fase di sperimentazione strategie di bio-controllo e l’uso di sostanze di base. Nel convegno sono stati presentati esempi di protezione delle colture con la birra, il chitosano, il carbone vegetale argilloso, la polvere di semi di senape, ed il bicarbonato di sodio e altri. Attenzione è stata posta sul chitosano contro la peronospora della vite. È stato inoltre discusso che in frutticoltura queste limitazioni legislative europee porterebbero un impatto economico prevendendo -12% di produzione e +17% di incremento dei prezzi per i consumatori.

In queste sfide Agrea Centro Studi cercherà di coniugare ricerca e sperimentazione con le esigenze del mondo produttivo, cercando di sviluppare con le ditte Agro farmaceutiche e le Università soluzioni innovative sostenibili dal punto di vista ambientale e sociale ma soprattutto economico, trasferendo poi i risultati a tutti gli operatori.

Inseriamo in questa news le relazioni in pdf e i link ai video, in base al programma che trovate qui di seguito.

Introduzione: Giannantonio Armentano (L’Informatore Agrario), Massimiliano Pasini (Agrea srl), Roberto Soriolo (Cantina di Soave), Lorenzo Tosi (Presidente ODAF VR) [link al video]

Innovazione nella protezione della vite dalle principali malattie
Gianfranco Romanazzi – Università Politecnica delle Marche [link al video] [scarica il PDF]

Fitofagi e fitomizi presenti e di temuta introduzione in vigneti italiani
Andrea Lucchi – Università di Pisa / Alberto Alma – Università di Torino [link al video] [scarica il PDF]

La difesa fitosanitaria del melo: problemi emergenti e sfide future
Claudio Ioriatti – Fondazione Edmund Mach – Trento [link al video] [scarica il PDF]

La gestione delle malerbe tra cambiamenti climatici, problematiche agronomiche ed ambientali
Giuseppe Zanin – Università di Padova [link al video] [scarica il PDF]

Conclusioni: Gabriele Posenato – Agrea srl [link al video]

 

Rassegna stampa relativa al convegno:

Articolo de Agenparl – Agenzia di Stampa Parlamentare

Articolo de L’Adige di Verona